Semaforo di Colignola San Giuliano Terme (via Vicarese Sp n. 2): il Tribunale dichiara la sua illegittimità.

semaforo-vistared-colignola san giuliano terme pisa

semaforo-vistared-colignola san giuliano terme pisa

La vicenda trae origine dall’ennesimo cittadino che è stato multato per essere (forse) passato con il semaforo arancione lungo la strada di Colignola (in v. Calcesana Sp2 intersezione con v. Mascagni).

La videocamera vista-red posta sopra il semaforo ha immortalato l’ennesimo passaggio di una vettura, da cui ne è scaturita una sanzione al C.d.S.

A differenza di molti altri cittadini che hanno deciso supinamente di pagare la sanzione, il cittadino ha invece inteso proporre ricorso avanti al Giudice di Pace, il quale però, sbrigativamente ha respinto le sue richieste, confermando la multa.

Ma il cittadino non si è arreso e dato per vinto e, convinto della giustezza delle proprie recriminazioni, ha proposto infine appello avanti al Tribunale di Pisa, ottenendo così ragione.

Il Tribunale di Pisa ha accolto l’appello, annullando la sanzione e condannando il Comune a pagare le spese per i due gradi del giudizio.

L’elemento innovativo della sentenza non è stato tanto l’annullamento della sanzione al singolo cittadino, ma la motivazione del Giudice, il quale in sostanza ha dichiarato l’illegittimità dell’impianto di videocamere posto sopra al semaforo di Colignola, per mancata autorizzazione, impianto che per anni ha mietuto incolpevoli vittime.

In sostanza sembrerebbe che il Comune di San Giuliano non poteva installare la telecamera in quel tratto di strada.

La questione è tecnica e complessa, come spiega l’avv. Giovanni Longo che ha patrocinato il cittadino.

La motivazione è stata resa a seguito della produzione documentale del Comune di San Giuliano Terme.

Per installare una video-camera vista-red sul semaforo, occorrono diverse autorizzazioni.

Nel caso della strada di Colignola, la via Vicarese Sp n. 2, il Comune di San Giuliano Terme ha esibito nel corso del giudizio soltanto un provvedimento del Comandante della Polizia Municipale con il quale veniva ordinata la “regolamentazione della circolazione sulla via Calcesana (Sp n. 2 Vicarese) all’intersezione con via Mascagni e la via Caccetta mediante impianto semaforico dotato di sensori di rilevazione del traffico,” previo nulla osta dell’Amministrazione Provinciale.

Tale nulla osta della Provincia, indispensabile per installare le telecamere sui semafori, riguarda, però, dalla documentazione prodotta, altri tratti di strade all’interno del Comune di San Giuliano Terme, ovvero per la diversa strada Sp n. 30 Lungomonte Pisano, e non comprende invece la Sp n. 2 Vicarese.

In corso di causa il Comune non ha mai prodotto il provvedimento presupposto dell’autorizzazione della Provincia per lo specifico tratto di strada Sp n. 2 Vicarese, da qui l’accoglimento dell’appello.

Quindi è stata accolta la tesi dell’avv. Giovanni Longo secondo la quale la determina del comandante della polizia municipale di poter installare la telecamera sulla via Vicarese (Sp. n. 2) è stata assunta in assenza della necessaria autorizzazione dell’amministrazione provinciale, e per tale motivo è stata annullata la multa.

La questione ha riguardato un singolo caso, spiega l’avv. Giovanni Longo, ma se il Comune di San Giuliano – come parrebbe – non fosse stato autorizzato ad installare la telecamera su quella strada, questa dovrà necessariamente rimuoverla, con buona pace per gli automobilisti.

sentenza colignola

https://www.lanazione.it/pisa/cronaca/telecamera-illegittima-multa-annullata-1.6853992

la nazione semaforo colignola avv. Giovanni Longo 28.9.21

la nazione semaforo colignola avv. Giovanni Longo 28.9.21

Commenti chiusi